Categoria: Editoriali Net Project

Post correlati a Editoriali Net Project

Comunicare oggi #16

Pedalando in bicicletta...
Pedalando in bicicletta
Chi di voi ha seguito gli editoriali della Net, forse ricorda che in “Comunicare oggi #12” avevamo parlato di smart working, in particolare di quanto si fosse rivelata un’esperienza positiva e dell’importanza di non lasciarci sfuggire l’occasione di rendere questa nuova metodologia di lavoro stabilmente attiva anche in futuro.E così come annunciato, abbiamo deciso di proseguire il lavoro agile con 3 mezze giornate a settimana e devo ammettere che ancora “non è morto nessuno” .Ci vuole coraggio per prendere certe decisioni e tanta fiducia nei propri colleghi, quella fiducia che spesso ci rende maggiormente responsabili. A pensarci bene mi sembra di tornare indietro nel tempo quando si faceva di tutto per stare a casa da scuola, magari ricorrendo al classico “fogone” di nascosto dai genitori, poi una volta raggiunta la maggiore età e il “potere” di firmare autonomamente le giustificazioni, ecco che paradossalmente non si saltava neanche un giorno di scuola.Insieme allo smart working anche la vita in ufficio ha ripreso il suo ritmo. La cosa più bella è senz’altro scambiare due chiacchiere con i colleghi la mattina, prendere il caffè tutti insieme e ridere sui vari aneddoti che ogni professione e i suoi clienti portano con [...]

Comunicare oggi #15

Quel che resta di noi...
rifiuti
Quel che resta di noi. No, non è un riferimento all'omonimo libro e non è nemmeno la prima frase di una lettera d'amore. Quello che intendo è invece il nostro passaggio dai luoghi di vacanza e di gite fuori porta, che rischia di lasciare un ricordo indelebile, o quasi, nell'ambiente prima ancora che nella nostra memoria.Ogni anno e "ogni maledetta domenica" sono sempre troppi i rifiuti tristemente abbandonati su spiagge, sentieri e prati. Scatolette, bottiglie rotte, plastica, mozziconi di sigaretta e chi più ne ha più ne metta. Un gesto squallido e insensato, che produce un impatto devastante sull'ecosistema e anche sulla salute di tutti noi. Giusto per non raccontarcela e continuare pensare che il danno delle nostre azioni verrà riparato da qualcun altro è bene ribadire che in soldoni, l'inquinamento che produciamo è molto democratico e generoso nei suoi effetti, ma soprattutto non risparmia categoria alcuna. Poveri e ricchi, giovani e vecchi, buoni e cattivi, siamo tutti coinvolti. Esistono materiali così tossici e dannosi che non si degradano MAI, come i mozziconi di sigaretta, altri che impiegano secoli, come le bottiglie di plastica.Ora facciamo un esempio: un pannolino abbandonato nell'ambiente ci impiega la bellezz [...]

Comunicare oggi #14

Non posso fare a meno di citare Barilla...
Barilla
Dal 2004 sono titolare dell’agenzia Net Project di Parma. Da allora sembra trascorso un secolo per quanto si sono evoluti i sistemi di comunicazione e gli strumenti in grado di creare connessione tra le persone. Come imprenditore e come persona attaccata alle proprie radici da sempre mi impegno per portare avanti in parallelo le attività di business e quelle di responsabilità sociale per il territorio. Credo che dare vita ad attività benefiche per il territorio di appartenenza sia un atto d'amore e di rispetto, un “restituire” almeno in parte ciò che la comunità in cui vivo mi dona ogni giorno in termini di benessere, collettività e cultura. Gioisco e mi riempio di patriottico orgoglio ogni volta che apprendo di altre aziende di Parma che raggiungono importanti traguardi o che sono pioniere di innovazione e sostenibilità ambientale.Oggi, come forse era prevedibile, non posso fare a meno di citare Barilla, azienda leader mondiale nel settore della pasta, che in questo momento è impegnata in due importanti progetti di comunicazione e sostenibilità. Le attività a cui faccio riferimento non hanno fatto troppo clamore, ma per me che vivo di comunicazione non sono passate inosservate. Innanzitutto il nuovo packaging. Il colore blu [...]

Comunicare oggi #13

Comunicare è una roba da equilibristi coraggiosi...
comunicare
Comunicare, un mestiere affascinante, creativo, sfidante. Comunicare, terra di visionari e pionieri di nuove tendenze.Comunicare è roba per equilibristi coraggiosi, perché il rischio di cadere rovinosamente nel vuoto da quel filo sottile è sempre in agguato. Comunicare è merce per acrobati della parola, perché se non hai tatto e sensibilità ipersviluppata, il pericolo di urtare quella altrui è molto alto. Io la vivo proprio così, come una vocazione? Forse. Sicuramente come un’attitudine.Quello che è certo è che la comunicazione si porta dietro uno stuolo di termini e concetti che rappresentano le tante direzioni in cui è possibile indirizzare le proprie strategie. Brand awareness, brand reputation, lead generation, engagement, sono solo qualche esempio. La comunicazione molto spesso viene ridotta a mero strumento per la vendita di prodotti e servizi. Ottenere il massimo profitto con il minimo investimento, soprattutto se parliamo di comunicazione digitale. Spiacente di deludervi, ma non funziona così.Comunicare non significa vendere, non solo perlomeno. Comunicare significa mettersi in relazione, creare connessione, coinvolgere le persone raccontando storie, valori ed emozioni che ruotano attorno ai tuoi prodotti, [...]

Comunicare oggi #12

La luce dopo il lockdown
Monica Capobianco
La luce dopo il lockdown per noi della Net non è quella a neon dell'ufficio, non è quella del bar durante la pausa caffè con i colleghi e non è nemmeno quella dei fari dell'auto che accendi per andare al lavoro. La luce dopo il lockdown per noi della Net è quella delle nostre case e di una giornata lavorativa che inizia in soggiorno, nella camera o nello studio (per i più fortunati in terrazzo).Un conto è fare smart working per una temporanea necessità, un altro è scegliere lo smart working come una nuova modalità da portare avanti anche adesso che si potrebbe tornare a occupare le proprie sedie negli uffici. Ognuno di noi ha vissuto il periodo di quarantena facendo i conti con sensibilità, stati d'animo e consapevolezze differenti.Quello che è vero, è che abbiamo trascorso tanto tempo insieme alla nostra famiglia, che nel mio caso ha 4 zampe, pesa 33 kg e si chiama Rambo. E non crediate che la gestione di un golden retriever di nemmeno tre anni, super sportivo e iperattivo non richieda presenza, tempo e attenzione. Il lavoro da casa mi ha permesso di rendere ancora più indissolubile il nostro rapporto, perché 24 ore insieme danno modo di osservarsi [...]

Comunicare oggi #11

Quindi oltre la #due nessuna altra fase?
Movida
Ci siamo spaventati, ci siamo chiusi in casa, chi più chi meno abbiamo seguito le regole, abbiamo rinunciato a tante abitudini e alla vita sociale. Molti di noi si sono addirittura dichiarati sereni nel riscoprire ritmi di vita più rilassati, illuminati dalla nuova consapevolezza che per essere felici basta poco, basta l'essenziale. Nei momenti in cui ispirazione e poesia hanno raggiunto i massimi livelli, addirittura ci siamo illusi di uscire da questa pandemia come esseri (umani?) migliori.D'altronde si sa, noi italiani siamo facili all'emotività neo-melodica e all'ottimismo mediterraneo fatto di serenate ai balconi e di vita notturna per le strade, ammassati dentro ai bar. Non c'è che dire, mettiamo allegria noi italiani e su questo non c'è dubbio, ma quanto siamo responsabili? Il punto è che dal 9 marzo 2020 ad oggi non siamo stati vittima di uno scherzo, non eravamo su un set cinematografico a girare "L'esercito delle scimmie 2".Qualcuno ricorda qualche highlights degli ultimi mesi? Gli ospedali al collasso, le ambulanze a sirene spiegate 24 ore su 24, i morti, gli obitori sovraffollati, le nostre lacrimevoli esternazioni di solidarietà e vicinanza a medici e infermieri impegnati in turni massacranti. Ho forse sogn [...]

Comunicare oggi #10

Lunedì. Oggi lo è veramente un lunedì come si deve.
Mascherine Covid-19

Alienati nell’oblio della quarantena avevamo dimenticato quella frenesia della settimana che inizia, il suono tagliente della sveglia la mattina presto, il brusio della testa piena di impegni e buoni propositi.

Comunicare oggi #9

Ogni gioco ha le sue regole...
Cetilar

Se tutto fosse normale, ammesso che quello che vivevamo in era pre-covid potesse considerarsi normalità, oggi sarebbe stato uno di quei giorni tanto attesi dagli appassionati di running della nostra città. Venerdì 8 maggio 2020 doveva essere il giorno della Cetilar Run, una corsa un pò fuori dagli schemi, ma forse proprio per questo molto amata e attesa.

Comunicare oggi #8

Grazie al cielo siete qui...
Grazie al cielo siete qui

Siamo esseri umani, qualche volta potremmo provare a ricordarcelo.
E se collegare questa parola a valori come compassione, sensibilità e altruismo risulta per alcuni, ahimè, molto difficile, proviamo a collegare la condizione di essere umano almeno a un fattore biologico e cioè che si nasce, si cresce, si diventa adulti, si invecchia e si muore.

Comunicare oggi #7

C'è qualcosa che mi manca tremendamente...
Tutto nasce dalla mancanza

Tutto nasce dalla mancanza.
Questo pensiero nasce perché c’è qualcosa che mi manca tremendamente. Sapete a cosa mi riferisco?

Back to top
Chiama subito