Episodio 2 – Frigomeccanica S.p.A.

Tempo di lettura: 5 minuti

Batti Cinque!
5 minuti a tu per tu con aziende del territorio sul tema welfare

Ep.2 Frigomeccanica S.p.A.

Frigomeccanica

Benvenuti nel secondo episodio di Batti Cinque!

Oggi abbiamo il piacere di presentarvi Andrea Zanlari, amministratore delegato dell’azienda Frigomeccanica, realtà fondata a Parma nel cuore della Food Valley e leader mondiale nel settore della refrigerazione.

Parlaci di chi siete: quali sono le parole chiave che rappresentano la vostra realtà?

Le parole chiave che, per oltre 60 anni, hanno guidato Frigomeccanica fino a diventare un punto di riferimento del territorio sono diverse. Tra tutte, sicuramente scegliamo “ingegnerizzazione” e “tailor-made”, perché ogni cliente necessita di soluzioni sostenibili, customizzabili secondo esigenze specifiche e al passo con la tecnologia. Negli anni l’azienda si è evoluta, ma ha sempre messo al centro le “persone”: le competenze delle singole risorse si sommano per fornire un servizio impeccabile e completo ai clienti, non solo nella fase di progettazione degli impianti, ma anche in quella di assistenza. Senza le persone, Frigomeccanica non sarebbe arrivata dov’è ora.

Tra le iniziative di welfare aziendale che state perseguendo, spicca soprattutto il progetto Pink Academy. Ci racconti com’è nata l’idea?

Tutto nasce da un dato di fatto, cioè la scarsità nel trovare candidati specializzati nel settore industriale. Il mestiere del tecnico frigorista richiede molteplici competenze, passione, fatica, impegno, tutti elementi che si acquisiscono in tanti anni di esperienza pratica. Dall’altra parte, il mercato richiede sempre più figure con mansioni specifiche, come il controllo qualità da svolgere periodicamente sugli impianti, dove sono essenziali attitudini come precisione, meticolosità ed empatia, ma non sforzo fisico. Ci siamo posti una domanda: perché non ampliare il nostro bacino di talenti in una direzione al femminile? Dopotutto, anche nel settore meccanico c’è posto per tutti, soprattutto per ragazze talentuose. Abbiamo fatto questa scommessa verso una strada sempre più inclusiva a livello di genere insieme Manpower, che abbiamo coinvolto nel progetto.

E come è andata la scommessa? Avete trovato riscontro nel pubblico femminile?

In passato Frigomeccanica ha attivato due Academy, entrambe focalizzate sulla formazione di tecnici frigoristi da inserire in azienda. Abbiamo tentato di replicare queste esperienze positive scommettendo sulla formazione di figure femminili: le ragazze si sono dimostrate molto brave dal punto di vista umano e professionale, e hanno soddisfatto appieno le aspettative. Tenteremo di replicare il successo della prima edizione della Pink Academy tra pochissimo, abbiamo già diverse risorse pronte a partire.

Inclusione e nuove opportunità di lavoro al femminile sono temi generalmente poco sentiti nel settore industriale. Qual è stato il riscontro da parte dei clienti?

Non abbiamo riscontrato alcuna forma di resistenza. Anzi, il feedback dei clienti è stato molto positivo, perché viene riconosciuto senz’altro il valore del percorso di queste figure giovani e preparate. Ovviamente non manca il pieno supporto dell’azienda sul campo, finché le risorse non acquisiscono piena autonomia lavorativa e oltre. A quel punto il rapporto di fiducia con il cliente è già consolidato.

Come si struttura il programma di formazione?

Gli argomenti trattati sono vari, si parte dalle questioni più tecniche fino ad arrivare allo sviluppo di competenze come il team working. L’Academy è interamente diretta da Frigomeccanica, quindi è improntata sulla nostra metodologia, che si basa sull’ascolto empatico del cliente, l’assistenza efficiente e il problem solving. Tutte skills che le nostre corsiste, una volta terminato il corso, sapranno applicare con successo.

Quante corsiste sono state assunte al termine del percorso in azienda?   

Su tre corsiste che hanno partecipato alla prima edizione e hanno concluso con successo il proprio percorso, due sono ufficialmente entrate a far parte del team tecnico di Frigomeccanica e svolgono tutt’ora il loro lavoro in completa autonomia.

Avete già notato dei benefici tangibili derivanti dall’integrazione di una maggiore diversità di genere all’interno dei vostri team tecnici?

L’introduzione di figure femminili più tecniche in azienda non ha comportato particolari sconvolgimenti di equilibri. Tutti i pregiudizi che potrebbero esserci vengono smentiti dai fatti tangibili e dai reali benefici derivanti da iniziative di welfare come la Pink Academy. I rapporti interni continuano a essere proficui, perché l’azienda si approccia equamente a uomini e donne da tutti i punti di vista; lavorativamente parlando, a tutti sono richiesti flessibilità, passione, dinamicità, precisione, qualità che alla nostra squadra non mancano di certo. 

Credete che l’esperienza della Pink Academy possa servire da modello o ispirazione per altre aziende del territorio?

Sì, siamo convinti che la Pink Academy possa essere uno stimolo per piccole e grandi realtà del territorio. Ogni settore merceologico ha le proprie caratteristiche, ma tutte le aziende sono unite davanti all’oggettiva riuscita di un progetto che continua a dare soddisfazione. Possono emergere tante iniziative belle, belle idee, ma a volte quello che manca è il coraggio: coraggio di investire sul welfare delle persone, di assumersi dei rischi, di credere che emergerà un beneficio tangibile. Sappiamo e speriamo di essere un esempio positivo, ogni esperienza è comunque uno stimolo a crescere come azienda.

Qualche idea per il futuro della Pink Academy?

Siamo più che soddisfatti dei riscontri ottenuti e dell’ottimo lavoro svolto dalle corsiste. Il nostro obiettivo a breve termine è quello di fare il modo che le risorse siano sempre più autonome, efficienti, efficaci, rapide, a seconda della tipologia di intervento. A lungo termine, intendiamo sicuramente proseguire sul fronte della formazione al femminile, magari implementando altre tipologie di servizio al cliente.

Ora tocca a voi. A quale azienda battete il cinque?

Scegliamo Sinfo One S.p.A., realtà che offre servizi di consulenza informatica e realizza sistemi gestionali per aziende.

Nasce Batti Cinque!

Nasce Batti Cinque!

Nasce Batti Cinque! Una rassegna di brevi interviste sulle iniziative più interessanti dal punto di vista delle politiche welfare.